SONO LIBERO – Billy Elliot Il Musical

a_teatro_BE

Un’occasione speciale, questa produzione italiana del musical Billy Elliot, che venerdì 23 ottobre ha iniziato da Udine la sua tourneé nei teatri italiani, dopo la permanenza primaverile al Teatro Sistina di Roma.

A un musical sulla passione di danzare, non si può mancare: la versione originale fa il tutto esaurito ogni sera a Londra dal 2005, tanto da essere già da tempo tra le “10 irrinunciabili cose da fare-vedere” nella città.
Il film, uscito nel 2000, è conosciuto più o meno da tutti, e la storia ci è nota: nell’Inghilterra degli anni ’80, nella periferia di una città di minatori, Billy, un ragazzino dodicenne orfano di madre, si trova a vivere con il padre, il fratello e la nonna durante il lungo sciopero dei minatori. Nella palestra dove si allena svogliatamente alla boxe, si imbatte nella danza: inizia di nascosto a seguire le lezioni di Mrs Wilkinson e nella sua vita entra la passione per qualcosa che lo fa sentire se stesso e può far cambiare la sua vita.

Per chi ama la danza e l’ha studiata, rivedere gli allenamenti in palestra, ascoltare l’insegnante che ordina di eseguire gli esercizi è anche rivivere le proprie fatiche ed emozioni di ragazzino, le proprie passioni-speranze.
Ma devo dire che il musical accentua il cuore della storia personale di Billy, a partire dalla danza e oltre la danza, per arrivare al senso del vivere:

la danza ti porta a scoprire delle cose su di te
e a scoprire delle cose sulla danza.
non si tratta solo dei passi:
si tratta di te
(Mrs. Wilkinson – da Billy Elliot)

La trasposizione italiana del musical (di Massimo Romeo Piparo) in questo senso, è veramente ben riuscita: i testi delle canzoni sono quasi più da “sentire” che da ascoltare… quando l’arte riesce a far risuonare le corde personali di ciascuno (anche in uno spettacolo apparentemente “leggero”) e a farti uscire da un teatro con pensieri nuovi, hai aggiunto qualcosa a te stesso, e ne è valsa la pena.

Promo del musical Billy Elliot, in tour in Italia nella stagione 2015-2016. www.billyelliot.it

E’ davvero soddisfacente il livello della produzione italiana (ho visto circa un anno fa il musical nella versione originale proprio al Victoria Palace Theatre di Londra), considerando che l’Italia non è certo una “patria” del genere rispetto al West End: mi ritengo fortunata ad aver assistito all’esibizione di questi straordinari “ragazzini” , che in verità devo chiamare giovani artisti appassionati e talentuosi.
Alessandro Frola nel ruolo di Billy e Christian Roberto nel ruolo di Michael, l’amico di Billy, coinvolgono ed emozionano gli spettatori con un livello di performance che lascia a bocca aperta, insieme a un cast di tutto rispetto. Menzione speciale a Cristina Noci, la nonna solo apparentemente “folle” di Billy, e alla bravissima Sabrina Marciano, Mrs. Wilkinson.

Billy e Mrs Winkinson - Billy Elliot Il Musical

Billy e la “maestra” Mrs Wilkinson (ph. tratta da www.billyelliot.it)

 

siamo nati per ballare
non è un mistero
perché siamo fatti di sangue e muscoli.
dal giorno della creazione
il ritmo della danza era già in noi
(Mrs. Wilkinson e Billy)

 

 

 

Cristina Noci - la nonna di Billy

Cristina Noci – la nonna di Billy (ph. tratta da www.billyelliot.it)

ho avuto la mia opportunità..
se solo avessi saputo allora
ciò che so adesso
li avrei spediti via tutti
e sarei andata a ballare
senza preoccuparmi di niente,
avrei volteggiato e ballato
godendomi ogni momento
avrei ballato da sola e mi sarei divertita
e sarei stata me stessa per tutta la vita
(la nonna di Billy)

 

Sono solo alcuni dei punti più emozionanti del musical, in cui lo stupore per la performance, l’emozione della musica e del canto si uniscono alla percezione di noi stessi: un incontro speciale, che avvicina a se stessi e alla propria Umanità.

Billy Elliot

Billy Elliot “vola” (ph. tratta da www.billyelliot.it)

“Io non ho bisogno della mia adolescenza, ho bisogno di ballare!”

Grazie Billy Elliot: abbiamo quest’idea, di passare il tempo a “distrarci” con cose che ci rendano poi sopportabile la quotidianità, invece di impiegarlo a realizzare ciò che ci fa sentire noi stessi e a capire che non siamo incatenati alla nostra vita.

Come dice Billy, quando gli chiedono cosa prova quando danza:

sono libero
sono energia
sono
io

Monica Ruffati

Billy e la compagnia salutano il pubblico al Teatro Nuovo Giovanni da Udine

Billy e la compagnia salutano il pubblico al Teatro Nuovo Giovanni da Udine

Alessandro Frola (Billy Elliot) ai saluti finali - Teatro Nuovo Giovanni da Udine

Alessandro Frola (Billy Elliot) ai saluti finali – Teatro Nuovo Giovanni da Udine

Alcuni video tratti dell’edizione inglese di Billy Elliot – The Musical

“Dream Ballet”  – Il sogno di ballare

Billy in “Electricity”

La scena finale del film “Billy Elliot” (con lo straordinario Adam Cooper, primo interprete del Cigno in “Swan Lake” di Matthew Bourne, nel ruolo di Billy adulto)

6 thoughts on “SONO LIBERO – Billy Elliot Il Musical

  1. Wow…ho letto tutto d’un fiato…che emozione le tue parole. Ho rivissuto il film, che ho visto svariate volte e per il quale mi ritrovo a piangere sempre sulle stesse scene 🙂
    Mi piacerebbe vedere il musical; spero di averne presto l’opportunità.

  2. Ho visto solo il film, ma leggendo l’articolo mi è sembrato di rivivere le emozioni che hai provato…un brivido ha corso lungo il corpo!
    Grazie

    • è quello che speravo di far vedere… dai miei occhi e dal mio cuore a quello di chi legge. grazie :*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: