Digressioni… a Pordenonelegge 2015

Non  parlo di danza, questa volta, ma sempre di incontri, seppure “altri”. Pordenonelegge, festa del libro con gli autori che da 14 anni a settembre riempie le piazze e le vie del centro della mia “piccola città” per 5 giorni, può apparire solo un caos, oppure offrire insolite occasioni.

#§§§§§§§§§§§§§#

h. 16.45, giovedì 17 settembre, a Pordenonelegge. Fai la fila per un po’ per una conversazione interessante, ma manchi l’incontro: finiscono i posti due persone giusto prima di te. Gli “angeli” (giovani creature in maglietta gialla che presidiano tutti gli eventi del festival) sono inflessibili, ripetono che i posti sono finiti, anche quelli in piedi, anche quelli nell’atrio; non resta che cambiare programma.

Tendone_libri

Sotto il tendone di piazza XX settembre, con tutti i libri di PNlegge2015

Poi, capita che uno scrittore oggi fa il libraio, e sotto il tendone dei libri in vendita c’è il suo ultimo “misfatto” (come l’ha chiamato lui). Leggo il risvolto di copertina, che descrive il libro: l’ultima parola è libertà.

Sorpresa. Proprio quello di cui ho voglia di parlare…

Lo guardo un momento, vedo un sorriso rapido, e allora gli domando, indicando il libro: – di che parla? -. Così, a bruciapelo.
Mi guarda leggermente sorpreso, dice qualche parola – Dio, che domanda difficile -… e poi me ne racconta.

Un uomo si domanda chi è, lui, mentre lavora otto ore al giorno. Si chiede se la felicità non sia lasciarsi semplicemente andare alle regole. E se fare delle scelte, piccole, normali, invece è possibile.

Lo ascolto, faccio qualche altra domanda, scherzo sull’occasione di chiedere allo scrittore del suo libro, proprio prima di acquistarlo. Dove mai potrebbe capitare?
Ecco: non ho mancato nessun incontro… l’ho  avuto, oggi, il mio incontro con lo scrittore. Personalizzato!

Grazie Max, e scusa l’invadenza.

§§§§§§§§§§§§§

La dedica che gentilmente ha acconsentito a scrivere sulla prima pagina dice: “buon VIAGGIO nella NOSTRA METROPOLI. ATTUALE o FUTURA? Max”

E’ Massimiliano Santarossa, e il libro è “Metropoli”. Dopo averlo letto, forse vi dirò com’è.

dedica_Metropoli

la mia dedica di “Metropoli”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: